Re: I numeri mancanti.

Meccanica-Imp.El.
Carrozzeria-Interni
Mercatino
Gallery

Moderatore: Francesca

gubbio
Messaggi: 269
Iscritto il: 13 dic 2011, 22:52

Re: I numeri mancanti.

Messaggio da gubbio » 20 ago 2018, 14:38

Io non decreto nulla, perché non ho nulla da nascondere.
Allegati
fb_img_1534767956272.jpg
fb_img_1534767956272.jpg (63.56 KiB) Visto 174 volte

gubbio
Messaggi: 269
Iscritto il: 13 dic 2011, 22:52

Re: I numeri mancanti.

Messaggio da gubbio » 22 ago 2018, 16:30

Di questo, nessuno prima ne aveva parlato in questo forum.

michele53
Messaggi: 48
Iscritto il: 25 gen 2009, 15:36

Re: I numeri mancanti.

Messaggio da michele53 » 22 ago 2018, 18:28

MI CONSTA CHE SIANO STATE PRODOTTE 882 HF 1300, PARTENDO DALLA 1100 ALLA 1295, DESTINATE AL REPARTO CORSE, SEGUONO CON NUMERAZIONE DA 1404 A 2089 QUELLE DESTINATE AI PRIVATI. I CONTI MATEMATICAMENTE TORNANO, TRANNE CHE VI SONO SUL MERCATO FULVIE CON NUMERAZIONE INTERMEDIA ESEMPIO 1354 O 1334 COSA NE DITE?
tama53

acca effe
Messaggi: 3178
Iscritto il: 09 feb 2011, 06:55

Re: I numeri mancanti.

Messaggio da acca effe » 22 ago 2018, 22:24

tama53, questo è uno dei tanti "misteri Lancia". Le numerazioni di telaio 1404/1100, sono partite in contemporanea. Giustamente le 1400 erano destinate alla clientela normale, mentre le 1100 alla squadra corse e ad alcune scuderie e preparatori accreditati in Lancia. Queste vetture erano particolari. Risultavano ulteriormente alleggerite, rispetto alle altre HF,già ridotte "all'osso". Escluderei che avessero lamierati più sottili nella scocca, ma che gli interventi riguardassero parti mobili e allestimenti interni, come vetri laterali in plexiglass (quelli delle porte), ed altro. Ho avuto da ragazzo una 1,2 HF, ex Mario Casula,pilota Jolly club, e non facevo altro che lavorare di pollici, per tirare su le ammaccature di porte e cofani, talmente sottili, che cedevano al solo guardarli. Mancava tutto, compreso il "baffo" al centro del cofano. Tornando alle 1,3, la N° 1116,era di proprietà Jolly Club,ceduta a Mario Casula, che aveva vinto con questa auto, il Trofeo Assoluto della Montagna Turismo, nel 1969. Questa Fulvia corre ancora, preparata dallo stesso preparatore dell'epoca, con le stesse specifiche di allora, nelle "storiche" Chiedo scusa per la digressione,ma penso di essere giustificato. Mario Casula,ottantacinquenne da due giorni, mio fraterno amico,nonostante la differenza di età,è ancora un "buon piede" e profondo conoscitore di vetture Lancia. La Concessionaria della sua famiglia, è nata nel 1927. Ho perso un poco il filo,ma, quando si parla di Lancia, HF in particolare, mi succede spesso e volentieri. Mi sembra strano che avessero riservato quasi 200 telai, per le competizioni,a fronte di una produzione totale di 882 esemplari (dichiarati), anche volendoci comprendere i vari prototipi (1332 e 1401), ma tutto può succedere. Per quanto riguarda una presunta serie, con telai numerati intorno al 1300, sinceramente, nutro alcune perplessità. Ciao. Luciano.

michele53
Messaggi: 48
Iscritto il: 25 gen 2009, 15:36

Re: I numeri mancanti.

Messaggio da michele53 » 23 ago 2018, 09:20

Luciano, le Tue considerazioni sono le mie, essendo questo un dato pubblico mi stupisco che vi siano in vendita ad elevato prezzo delle vetture con numero di telaio non previsto
tama53

acca effe
Messaggi: 3178
Iscritto il: 09 feb 2011, 06:55

Re: I numeri mancanti.

Messaggio da acca effe » 23 ago 2018, 11:23

Vedi, potrei capire un trapianto di scocca, ovvero il trasferimento di targa,libretto e lamierato col numero di telaio,da una vettura distrutta,ad un'altra sana, anche se non nasceva HF. Un tempo, quando queste macchine correvano, era facile che avvenissero queste cose.Ovviamente veniva trasferita anche tutta la meccanica al completo. Raccontava un amico di altro forum, che aveva distrutto in gara la sua 1,3 HF. di aver agganciato il carrello alla Flavia, per andare aTorino a comprare una scocca nuova,attraversando mezza Italia,pur di poter partecipare alle gare che mancavano per finire la stagione.. Ma inventarsi addirittura vetture inesistenti, lo trovo un tentativo di truffa bello e buono e come tale, a mio parere, perseguibile penalmente. Ma siamo in Italia... Ciao.

acca effe
Messaggi: 3178
Iscritto il: 09 feb 2011, 06:55

Re: I numeri mancanti.

Messaggio da acca effe » 23 ago 2018, 11:47

Ecco la famosa "telaio 1116",di cui parlavo ieri, in azione ai nostri giorni. https://youtu.be/jbEkoVeTpGg

gpg952
Messaggi: 900
Iscritto il: 21 apr 2014, 21:46

Re: I numeri mancanti.

Messaggio da gpg952 » 23 ago 2018, 12:05

Io ho potuto vedere bene da vicino la 1354 ... di cui abbiamo ben discusso già in tanti, anche di persona. Della 1334 nulla so. Questa vettura è stata venduta una prima volta due anni fa a PD ( così diceva il venditore di allora ). La stessa vettura, con lo stesso venditore, è ricomparsa in vendita in questi ultimi mesi a prezzo ben diverso da quello richiesto la prima volta, quando l'ho vista "di presenza". Se fossi stato certo della vettura forse allora l'avrei anche acquistata, anche se i dubbi erano soprattutto su un altro versante . Per inciso il mio più grande errore è stato non acquistare l'ultima 340 prodotta, peraltro da un amico fidato, ma erano 4 anni fa e voleva già allora 33.000 euro ... ma li valeva tutti: è finita in Inghilterra. Che dire, sulle fonti "dei sacri testi" comunque ho qualche dubbio, sono tutte copiate dal primo riporto, cioè dalla prima fonte ma io sono "san tommaso" e non avendo mai potuto vedere "di presenza" i registri di produzione Lancia, non mi sento di escludere che fosse stato prodotto anche il telaio 1354. Certo quella vettura era dotata, la prima volta che l'ho vista, di libretto molto bello, due soli proprietari ( peraltro non ho fatto ricerche ma a detta del venditore erano/ sono persone note a Trento ), immatricola a Trento il 15.3.1968 e dotata di Certificato d'iscrizione al RIL del 6.12.1999 , timbrato e firmato dall'allora Conservatore. Ho provato a chiedere all'amico e ultimo Conservatore del RIL ( non so se ancora in carica perchè ho perso il filo di cosa sta succedendo al RIL ) ma è calato un pietoso velo su questo documento ... che non so come giustificare e visto che i motivi del mio abbandono erano sostanzialmente altri, ho lasciato perdere. Ho chiesto - ovviamente al venditore a PD - spiegazioni sullo strano numero di telaio: la risposta che mi è stata data era la domanda se mettevo in discussione la documentazione a corredo della vettura che ... allora, nell'insieme non aveva tante "pecche" dalvo una che preferisco omettere ma che Lucianino dovrebbe ricordare ( perchè da ieri ti chiamo "ino" e non "one" ? ). E' un mondo difficile, morirò senza avere mai "posseduto" una 340 "rosso" montebello ... ma va bene così, almeno la mia cenerentola ha tutti i numeri giusti al posto giusto e ha scritto 360 ma va come un treno ( senza mai averle aperto il motore ) e - forse - è più elegante della 340. Cosa non si fa per convincersi ;)

acca effe
Messaggi: 3178
Iscritto il: 09 feb 2011, 06:55

Re: I numeri mancanti.

Messaggio da acca effe » 23 ago 2018, 13:45

Ciao, gpg952. Hai sbagliato momento, per cercare una 340. Non parlo degli anni 70/80, periodo in cui queste macchine te le tiravano dietro, letteralmente. Non avevano più mercato, i concessionari quando si proponeva il ritiro di una HF, anche per auto di un certo valore, avevano sempre il solito "ritornello": Sono macchine da amatore, cerchi di vendersela lei e le farò un bello sconto sul nuovo, provi a lasciarla quì in conto vendita, e simili. Questo già sul finire degli anni 60. Ricordo di aver penato moltissimo per vendere la mia 1,2 HF. Alla fine avevo ritirato in permuta, una spider Fiat/Osca 1600 S, con la guarnizione della testa "soffiata" e un bel mazzo di cambiali, onorate tutte, tranne, inspiegabilmente l'ultima. Vedi, per me, l'acquisto della HF, che 20 anni fa, avevo pagato ad un prezzo "umano", era stato dettato da fattori di "nostalgia canaglia", così come è stato per la 2C.Un tuffo negli irripetibili, meravigliosi, magici anni 60, con tanta gioventù, capelli lunghi e...spinellino. Oggi, col cavolo, nostalgia o non nostalgia, sborserei, anche se me lo potessi permettere, le cifre folli che chiedono per le HF 1,2, 1,3, 1,6, che siano. Per cui ti dico: Tu che non hai di queste nostalgie, che possiedi una meravigliosa rallye S,perchè ti devi dannare cercando una HF, che in definitiva, ha pochi cavalli in più della tua S, con molta meno eleganza, sgabellini al posto dei sedili, e via di questo passo... Kappitto mi hai? Luciano. Dimeticavo,perchè prima Lucianone, poi Lucianino? Centimetri persi con la vecchiaia?

gpg952
Messaggi: 900
Iscritto il: 21 apr 2014, 21:46

Re: I numeri mancanti.

Messaggio da gpg952 » 24 ago 2018, 08:39

Lucianone, ti ho capittto... poi adesso è un periodo che devo andare a "mangiare da mio fratello " , per cui niente spesucce fuori luogo B) Aggiungo che ieri sera - qui leggono ma non scrivono - mi ha telefonato un amico Lancista che fa anche lui il vate di mestiere. Anche lui - col quale in verità non ho mai parlato di questa 1354 , lui che il librone giallo ha contribuito in maniera rilevante a "confezionare" - ci andrebbe piano a dire che si siano inventati numeri di telaio fuori da quelli "ufficiali" . Tutti hanno ripreso il primo elenco e se questo avesse avuto qualche "errore" ( imputabile anche alla grande manualità con cui venivano prodotte queste vetture in Lancia ... basti pensare alla punzonatura fatta a mano ed ai registri sempre scritti a mano, con bella calligrafia ... così mi disse una volta un fortunato personaggio - oggi un pò meno fortunato - che asseriva di averli avuti in mano ) ... tutti seguono l'onda del primo errore. Lui stesso ha "promosso" un'altra 340 anni fa, che si trovava in Campania: non aveva il numero di telaio a portata di mano e nemmeno mi interessa ma quello che mi interessa dire è che se anche chi ha messo mano a scrivere il giallone ha dubbi sull'autenticità di qualche numerazione ... siamo rovinati :S

Rispondi

Torna a “Fulvia”